Volare in ELICOTTERO con Regali Straordinari

Volare in ELICOTTERO con Regali Straordinari

volare in elicottero regali straordinariVOLI IN ELICOTTERO INTRODUTTIVI per promuovere l'attività didattica.
L'emozione di un volo in elicottero con l'ala rotante può essere realtà, una lezione di volo reale con uno splendido elicottero Robinson R 22, l'elicottero più usato al mondo.
Questo volo in elicottero potrà darti la gioia e l'emozione di un paesaggio fantastico che può arrivare persino ai confini di una grande città come Milano, questa esperienza potrà coinvolgerti al punto di iniziare un corso da elicotterista e portarti al traguardo per diventare un pilota di elicottero professionista.
Regione Lombardia, località campo volo alle porte di Milano (18 km)
Disponibile nei week-end tutto l'anno meteo permettendo.

Volare in DELTAMOTORE con Regali Straordinari

Volare in DELTAPLANO A MOTORE con Regali Straordinari

volare in deltaplano a motore

Il deltaplano a motore è definito l'aereo più piccolo del mondo, in effetti lo si può tenere in un piccolo spazio sopratutto se si smonta l'ala.

E' l'evoluzione del deltaplano da montagna/pendio adattato a chi le montagne non le ha, ideale per il volo di pianura e sul mare, decolla e atterra in spazi brevissimi, basta un prato per poter prendere il volo, c'è la versione con il gommone per utilizzarlo sull'acqua
Ha un rateo di salita molto elevato grazie al potente motore e la sicurezza è garantita perchè in caso (raro) di avaria al propulsore può planare dolcemente ovunque. Esistono singoli e biposto, il pilotaggio è semplice ma occorre comunque molta attenzione, non dimentichiamo mai di essere in aria...

Il biposto permette davvero a tutti di poter volare liberi nel cielo, la sua particolare conformazione offre comodità in poco spazio, anche il passeggero seppu accomodato alle spalle del pilota ma più in alto, gode in pieno della vista senza ostacoli davanti agli occhi.
Il casco con interfono per parlare con il pilota attutisce il rumore del potente motore posteriore e l'elica che è dietro non crea fastidiosi flussi di aria a chi è a bordo.
Sicurezza, confort, velocità e maneggevolezza, il volo con i piloti di Regali straordinari è finalmente per tutti, anche per le persone che hanno qualche difficoltà motoria o disabilità in generale, il desiderio di volare deve essere realizzato e con noi potrai farlo.
Consulta il sito per scoprire in quali località è possibile praticare questa fantastica disciplina aerea. Piloti certificati e preparati ti faranno vivere momenti indimenticabili...

Volare come passeggero in parapendio biposto

Come volare in parapendio bipostoSe hai sempre desiderato di volare ma non hai mai osato farlo con quest’articolo capirai come dove potrai realizzare il tuo sogno, con noi questo è possibile, facile e per tutti.
Qui sul sito troverai molte specialità di volo, sta a te scegliere, in questo testo parleremo del modo più semplice, economico ma anche poetico che è il parapendio ovviamente a due posti sapientemente condotto da un pilota abilitato e professionale che ti permetterà di volare nel cielo senza il rumore di un motore e a diretto contatto con l’aria.
Ecco come fare: naviga con attenzione il sito, scegli la regione e la località che più t’interessa, leggi tutte le informazioni concernenti, l’attività, il costo, cosa ti è offerto e tutte le curiosità che ti possono venire in mente le trovi nella sezione: domande e risposte.
Fatto questo affrontiamo nel dettaglio come ci si avvicina al volo in parapendio da passeggero assoluto neofita.
Per prima cosa dobbiamo contraddire quanto viene erroneamente spesso raccontato, in volo non si soffrono le vertigini che sono una sensazione solamente terrestre. Essendo seduti non si usa il senso dell'equilibrio non avendo nessun riferimento ottico vicino che ci congiunga con il suolo, non si ha il senso della profondità pertanto è impossibile provare vertigini in aria anche a parecchie migliaia di metri di altezza. Un'altra cosa da sapere è che con il parapendio non ci si butta e non ci si lancia, il decollo avviene correndo dolcemente da un prato in discesa, anche l'atterraggio sarà molto dolce, ultima cosa: NON esistono i vuoti d’aria.
Quello che si prova realmente è una forte e intensa positiva emozione perché non capita tutti i giorni di trovarsi per aria a qualche centinaio di metri cullato da un silenzioso parapendio biposto.
Non serve nessuna preparazione tecnica sportiva o fisica, l'età non conta è importante, però il peso della persona che normalmente va da un minimo di 25/30 a un massimo di 120 kg, quindi davvero tutti possono volare, questi parametri possono variare in base ad una serie di fattori tecnici che il pilota esperto saprà spiegarti al momento della prenotazione del tuo volo.
Le stagioni migliori per affrontare un volo in parapendio sono normalmente la primavera, l'estate e l'autunno ma in alcune zone d'Italia si vola anche in inverno. La stagione, la località è l'orario del volo incidono sulla durata della permanenza in aria, accompagnare delle persone in volo comporta da parte del pilota una grande responsabilità per questo motivo bisogna sempre affidarsi a strutture collaudate e certificate, i piloti professionisti hanno sempre a disposizione materiale di ultima generazione costantemente controllata e revisionata, da parte tua non serve nessuna attrezzatura particolare se non delle scarpe da trekking, una giacca antivento anche in estate, abbigliamento sportivo è comodo in base alla stagione, occhiali da sole e guanti in base alla temperatura tenendo conto che comunque salirai in quota e quindi anche in estate l'aria potrebbe essere fresca, gli occhiali da vista non saranno un problema, non serve nessuna visita medica ognuno deve conoscere il suo stato di salute, è consigliato aver fatto un buon riposo, non eccedere nel mangiare e nel bere, si consiglia aver ingerito cibo asciutto tipo grissini o cracker, non volare mai a stomaco vuoto.
L'attrezzatura per volare e il casco protettivo normalmente sono forniti dall'organizzazione. Le statistiche dicono che un passeggero alla prima esperienza sopporta senza problemi, con grande soddisfazione e divertimento un volo della durata di 10/20 minuti, un volo più lungo la prima volta potrebbe causare un po' di nausea al passeggero ma questo non vale per tutte le persone, tra un volo planato e uno in termica c'è la stessa differenza tra affrontare un mare calmo o uno un po' più mosso.
La cronaca di un'esperienza di questo tipo in sintesi è questa: ci si ritrova con il pilota nella zona concordata che normalmente è l'atterraggio, colui che si prenderà cura di te comincerà a raccontarti quello che succederà prima, durante e dopo il volo.
È giunto il momento di salire sul pulmino che ci porterà al decollo, normalmente è un momento molto goliardico, ci si ritrova tra piloti e passeggeri nel caso dei voli biposto ma spesso ci sono anche piloti che voleranno con il loro parapendio singolo, si parla si ride si scherza ci si racconta qualche esperienza per sdrammatizzare e stemperare la tensione che normalmente esiste in chi non ha mai volato. Una volta arrivati a destinazione il pilota accompagna il suo passeggero e insieme preparano l'attrezzatura nella zona destinata a staccare finalmente i piedi da terra, per metterlo a proprio agio spiega il funzionamento, le caratteristiche del materiale che si userà, una volta preparata la vela s’indossano gli imbraghi e ci si posizionerà per decollare. Da questo momento in avanti la concentrazione del pilota è al massimo in quanto dovrà valutare bene le condizioni per fare un decollo perfetto e sicuro, ora il cuore batte forte, siamo pronti a realizzare il sogno.
impara a volare con il parapendio bipostoSì decolla sempre con il viso in fronte alla brezza che sale, verificata l'intensità con la manica a vento, quando le condizioni sono reputate ottimali, il pilota darà il via, a questo punto in sincronia, passeggero e pilota correranno in accelerazione verso la fine del pendio, saranno sufficienti pochi passi decisi e dolcemente si staccheranno i piedi da terra. Il pilota controllerà che tutto sia in ordine e aiuterà il passeggero ad accomodarsi nel proprio seggiolino, la parte più difficile è finita siamo finalmente per aria, tutte le tensioni spariscono magicamente e ci si gode il panorama, la brezza che ci accarezza il viso, il solo soffio dell'aria, il panorama visto dall'alto per la prima volta a bordo di un parapendio assumerà contorni molto particolari, i meno allenati faranno fatica a distinguere dall'alto le cose che hanno visto da terra, ma questo è normale per le prime volte perché il nostro cervello non è abituato alla terza dimensione.
Quando si è in volo, il pilota spiega le manovre che sta facendo, racconta le caratteristiche del volo, del territorio, del paesaggio, spesso si vedono anche degli animali se si sorvolano boschi, il silenzio del parapendio fa sì che loro non scappino, a volte si viene affiancati anche da grossi volatili e incuriositi si avvicinano ai parapendio danno un'occhiata veloce e poi tornano a volare per i fatti loro sapendo di essere molto più bravi di noi....
Dopo una ventina di minuti il pilota valuta con il passeggero se è il caso di rimanere ancora per aria o di procedere all'atterraggio, se si decide di tornare a terra s’iniziano le procedure per avvicinarsi al luogo predestinato per terminare il volo, si valuta la direzione è l'intensità del vento attraverso la manica che si trova sempre nella zona. A volte se le condizioni lo consentono il pilota, lascia fare alcune manovre al passeggero passando nelle sue mani i comandi, questo rende più emozionante il volo è più attiva la partecipazione. Quando si giunge alla parte finale del volo il pilota prende il controllo, a questo punto l’attenzione è alta, non si può sbagliare.
Arrivati a pochi metri da terra, il passeggero avrà l'impressione che la vela sia molto veloce, in effetti è così è portata vicino al suolo alla massima velocità orizzontale, al momento giusto però il pilota darà ordine al passeggero di mettersi in posizione eretta, affonderà i freni e la vela incredibilmente arresterà la sua corsa sia orizzontale che verticale appoggiando dolcemente entrambi. Qui la tensione si è già sciolta da un pezzo ed è rimasta solo l'emozione di aver fatto qualcosa di veramente bello, il primo volo è un ricordo che rimarrà per sempre nella mente e nel cuore, potrai farne altri cento ma il primo resterà per sempre un ricordo indelebile, un’esperienza che vorrai ripetere.
A questo punto si procede con togliere il casco, imbracature, guanti e giacche, inizia la fase del ripiegamento del parapendio in collaborazione tra passeggero e pilota per finire in armonia questa fantastica esperienza. Ti consigliamo di ripeterla perché ogni volta sarà molto diversa dalla precedente anche se il luogo sarà lo stesso, l’orario, il giorno o la stagione determinato le grandi differenze tra un volo e l’altro, inoltre non avrai più le incognite della prima volta quindi ti godrai il volo sin dal primo minuto.
Se ti è piaciuto molto e pensi che questo potrebbe essere il tuo sport allora non esitare, iscriviti a una scuola e inizia a volare da solo.
Speriamo con queste righe di averti fatto venire la voglia di provare a visitare il cielo con i migliori piloti di biposto del nostro meraviglioso Paese.